Chissà Perché
Pierangelo Bertoli

Ritornavo a casa già poco convinto
Da una di quelle serate che non contano niente
Mi saltò in mente chissà perché di prendere su e di venire da te
Quando fui arrivato innanzi al tuo uscio
Mi sentii nel fegato come un colpo
Da dentro dicevi:"Ti amo te"
Ma quel te non ero io
Vorrei sapere cosa è stato
Cos'è che in me era cambiato
Vorrei sapere cosa ti ho fatto
Da farmi un male che neanche a un gatto
Gli avrei voluto dire che tu sbagliavi
Che era un'altra cosa che cercavi
Avrei voluto fiaccarvi le ossa
Buttarvi giù la casa, sputarvi addosso
Vorrei sapere cosa è stato
Cos'è che in me era cambiato
Vorrei sapere cosa ti ho fatto
Da farmi un male che neanche a un gatto
Ti avrei voluto fare qualcosa di male
Farvi un rutto, malaugurarvi un temporale
Volevo dirvi, volevo fare
E invece sono stato solo capace di piangere.

A turneva a cà già poc convint
Da ona ed ch'el sered ch'in caunten gnint
Am saltè in meint chi sa perché
Ed ciaper so al du ed gnir da te
Quand a fò arivee inans al to òs
Am sintè in dal fedeg come un stos
Da deint'r ed giv"Ti amo te"
Ma c'al te lè annera menga me
A vrev saveir cusa le stee
Cus'è che in me l'era cambiee
A vrev saveir cusa a to fat
Da fer'm un mel che gnanc a un gat
A gavrev vlu dir che et te sbagliev
C'lera un eter quel che te et serchev
A iavrev vlu fiacher'v i os
Buter zò la cà spuder'v ados
A vrev saveir cusa le stee
Cus'è che in me l'era cambiee
A vrev saveir cusa a to fat
Da fer'm un mel che gnanc a un gat
A t'avrev vlu fer qualcosa ed mel
Fer'v un rot zurer'v un temporel
A vliva dir a vliva fer
E inveci a saun stee saul daun'd'gnuler.