Otelmo E La Viseinsa
Pierangelo Bertoli

Am girava ormai la testa come fa la giostra e la culpa t'eg l'iv te
per caterm un baun lavaur con un baun stipendi a studiava not e dè
con la bala de spuseres ed fer so una ca deceint
l'eter dè di punt in bianc a me ciape un mes asideint.
Quand t'em dii: "Perché mi lasci senza una parola non mi ami forse più?
Fra due anni avrai finito e sarai perito non dovrai studiare più!"
sé va bein a saun dacordi però in cap a sti tri an
o c'a saun mort da la voia o ca saun mort da la fam.
Sé va bein la posissione tutto il baraccone e la geint c'la dis te un sgnaur
Ma per fer tot st'astineinsa sensa vocazione mo che strasa d'un lavaur
tutto il resto va benone ma magari a ghè un difet
una volta o dau la stmana a vrev gnir anc teg a let.
Quand tem dii si può aspettare senza amoreggiare t'en se menga al mel t'em fee
preferisco lavorare ma non digiunare come et pretendess da mè
e per questo l'altra sera an nin psiva propria piò
ho perduto il mio controllo e a iò pruve a caveret zò.
Se nel mezzo della festa am girè la testa e am tuché ed pianterla lè
la mia splendida vittoria colpa della voglia l'è finida e der via i pè
non potendo mai sfogarmi a me ande al servel ai plaum
o per dirla più elegante a m'èe gnuu la vocasiaun.
È per questo che ti lascio seinsa una parola seinsa dert e spiegasiaun
e mi cerco un'altra donna facile di gonna e magari coi miliaun
e c'lam daga s'ag n'ho voia anc un po' ed sodisfasiaun
seinsa ferem piò sintir mort da la fam e mes coiaun.